martedì 28 giugno 2016

Oooooh yes!


Oggi sono incappata in questa foto su Facebook... postata e riportata infinite volte, non mi è stato possibile risalire alla fonte originale, ma non potevo non condividerla perché dice esattamente quello che penso!

Una traduzione al volo per chi non mastica l'inglese:

REGOLE ESTIVE


1. SIATE GENTILI con parole ed azioni
Pensate prima di parlare!

2. RACCOGLIETE, la mamma non è una cameriera
Ripulite prima di lasciare la stanza e prima che arrivino gli amici.

3. LA CUCINA NON E' APERTA 24 ORE AL GIORNO 7 GIORNI SU 7
Bevete un bicchier d'acqua, mangiate un frutto, masticate una gomma, non morirete di fame.

4. NON SIAMO FATTI DI DENARO
Non possiamo uscire ogni giorno, fare sempre spese, comperare tutto ciò che desiderate.

5. NON DITEMI CHE VI ANNOIATE
Ci sono un sacco di cose che potete fare.



Meditate, figli, meditate!

sabato 13 febbraio 2016

Investigando lungo la Senna

"Il y eut un moment, entre le quai des Orfèvres et le pont Marie, où Maigret marqua un temps d'arrêt, si court que Lapointe, qui marchait à son côté, n'y fit pas attention. Et pourtant, pendant quelques secondes, peut-être moins d'une seconde, le commissaire venait de se retrouver à l'âge de son compagnon."

Inizia così Maigret et le Clochard, di Georges Simenon, il primo libro che io abbia mai letto in francese, un paio di decenni orsono. 

Il primo di una lunga serie, negli anni dell'università durante i quali leggere per ore ed ore non era ancora un lusso e la biblioteca era la mia seconda casa.

E nel preciso istante in cui ho iniziato a sfogliare le pagine di questo bellissimo libro ho capito una volta ancora che avrei fatto il possibile per leggere sempre i libri in lingua originale. 

Quante ore di studio per imparare più lingue possibile, quanto denaro investito in grammatiche, dizionari, eserciziari... e quanta rabbia nel vedere gli studenti sbuffare per le lezioni di inglese e di tedesco a scuola: se avessi io ora quest'opportunità, di studiare gratis per anni!

Grazie alla magia narrativa di Simenon ed alla possibilità di apprezzarla nella sua lingua originale, infatti sono stata trasportata nelle atmosfere parigine del Lungosenna, in mondi sconosciuti ma dipinti con un'abilità tale da renderli vivi agli occhi della mia mente, al punto che saprei ripercorrere i passi di Maigret vedendo case, strade, personaggi esattamente come l'autore li racconta nelle pagine di questo libro.

Un fantastico viaggio nel tempo e nello spazio come pochi sanno creare, pronto per me soltanto allungando la mano sullo scaffale.

Merci beaucoup, Monsieur Simenon.

La copertina della prima edizione  - Ed. Presses de la Cité

sabato 14 novembre 2015

sabato 10 ottobre 2015

Gratitudine (gratitude)

SCROLL DOWN FOR ENGLISH VERSION

Qualche giorno fa stavo viaggiando virtualmente, ovvero stavo dando un'occhiata al mio profilo Facebook, e la mia attenzione è stata attirata da questa foto, pubblicata da VolunteerSpot, che a sua volta si è ispirato da Moments a Day, un sito interessante che penso seguirò d'ora in poi e che vi consiglio di visitare.

La foto, nella sua semplicità, contiene 10 verità alle quali a volte non pensiamo e che possono essere utili per dare il giusto peso alle cose quando ci sentiamo sopraffatti dai doveri nei confronti di famiglia e figli, e pensiamo di portare un peso troppo grande sulle spalle... provo a tradurle per voi:

ESSERE GRATI PER...
  1. Alzatacce mattutine = figli da amare
  2. Casa da pulire = un posto sicuro in cui vivere
  3. Lavatrici da fare = abiti da indossare
  4. Piatti da lavare = cibo da mangiare
  5. Briciole sotto la tavola = pasti in famiglia
  6. Spesa da fare = denaro per provvedere a noi
  7. Bagni da pulire = acqua corrente in casa
  8. Molto rumore = persone nella mia vita
  9. Discussioni infinite sui lavori di casa = la mente dei figli che sta crescendo
  10. Andare a letto stanco e dolorante = sono ancora vivo!
Devo dire che questo decalogo per me è stata una grande lezione... tanto che stavo quasi pensando di appenderlo sul frigorifero per averlo sempre sotto agli occhi!

Alla prossima!

A few days ago I was traveling virtually, that means that I was browsing my Facebook profile, and my attention was drawn to this photo, published by VolunteerSpot, which in turn was inspired by Moments A Day, an interesting site that I think I will follow from now on and that I recommend you to visit.

The photo, in its simplicity, contains 10 truths which I think can be helpful to give the right weight to things, when we feel overwhelmed by the duties towards family and children, and we think we are carrying too much weight on our shoulders...

I must say that this Decalogue for me was a great lesson ... so much so that I was almost thinking of hanging it on the fridge, to have it always under the eyes!

See you next time!

sabato 3 ottobre 2015

Sono tornata! (I'm back!)

SCROLL DOWN FOR ENGLISH VERSION

Eh sì... nonostante tutto ce l'ho fatta e mi sono rimessa in pista, carica di energie e di voglia di fare, di riprendere in mano quello che avevo lasciato in sospeso, anche se necessariamente con ritmi diversi rispetto a prima, per via del tempo che è sempre meno, della salute che non mi aiuta, degli impegni che sono aumentati.

E fra i vari impegni noiosi della vita quotidiana, ce ne sono alcuni che invece mi danno soddisfazione e mi mettono allegria: i miei blog ad esempio.

Le scarpe di Camilla infatti ha dato vita ad altri blog, ognuno dedicato ad una passione diversa, e presto riprenderà la sua originaria funzione di spazio dedicato a ciò che mi piace, ma senza che una passione soverchi le altre. 

Per le passioni più grandi sono nati due blog dedicati solo a loro e ve li presento:

Thread and passion, per chi come me ama tutto ciò che ha a che fare con ago e filo: ricamo, maglia, uncinetto, cucito e patchwork, giusto per fare qualche esempio... per cui invito di cuore tutte le persone che mi hanno seguita su Le scarpe di Camilla a venire a trovarmi su Thread and passion e seguirmi anche lì, perché pian piano ho intenzione di recuperare il tempo perduto.
Love and pea soup ve l'ho già presentato qualche tempo fa ed è invece dedicato alla cucina vegetariana e vegana ma non solo: oltre alle ricette, vi troverete idee, risorse, informazioni ed eventi, link utili e molte altre notizie sul mondo dell'alimentazione, che potranno interessare anche chi non è vegetariano e non intende diventarlo ma semplicemente di tanto in tanto cerca un'alternativa sfiziosa alla carne e al pesce.

Rispetto all'inizio, ha cambiato veste e si è arricchito di numerosi contenuti, quindi vi invito nuovamente a farmi una visita. Vi presento la nuova home page:
Insomma, io ce la sto mettendo tutta e mi auguro veramente di non restare da sola: sul web ho incontrato - anche se solo virtualmente - persone simpatiche e generose, divertenti e gentili, abilissime artiste dell'ago e filo o cuoche sopraffine, lettrici accanite o amanti dei viaggi, ma soprattutto persone che hanno deciso di condividere sul web le proprie passioni e che spero vogliano continuare a farlo anche con me.

Vi aspetto...
Yeah ... despite everything I am back on track, full of energy and desire to do, to take back what I had left open, although necessarily in a different ways than before, because of the time that is less and less, the health that does not help me, the commitments that increased.

Among the various commitments of the boring everyday life, there are some who instead give me satisfaction and bring me joy: my blogs for example.

Le scarpe di Camilla has given rise to other blogs, each dedicated to a different passion, and soon it will resume its original function as a space dedicated to what I love, but without giving too much space only to one or another interest.

For my greatest passions, two blogs were born, each one dedicated only to them and I wish to introduce them to you all:

Thread and passion, for people like me who loves everything that has to do with a needle and thread: embroidery, knitting, crochet, sewing and patchwork, just to name a few ... I hope that all the people I have followed on Le scarpe di Camilla to come to see me on Thread and passion and follow me there too, because little by little I'm going to catch up what I lost on the way.

Love and pea soup: I've already introduced this blog some time ago. It is dedicated to vegetarian and vegan cuisine, but not limited to. In addition to the recipes, you will find ideas, resources, information and events, useful links and many other news on the world of food, which can also be interesting for non-vegetarians, that just occasionally look tasty alternative to meat and fish.

Compared to the beginning, this blog has changed a little and it has been enriched with numerous content, then I invite you to visit me again and follow me.

In short, I am doing my best and I really hope not to be alone: on ​​the web I met - even if only virtually - nice and generous people, funny and kind, skilful artists of the needle and thread or superfine cooks, avid readers or enthusiasts travellers, but especially people who have decided to share their passions on the web and hope that they want to continue to do it with me.

I'm waiting for you...
R

sabato 29 agosto 2015

è nato un nuovo blog di idee e ricette vegetariane e vegane: loveandpeasoup è online!

Ciao!
Da molto tempo ormai non pubblico più su questo blog... ma non è certo per svogliatezza o mancanza di idee!

Purtroppo uno dei miei hobby preferiti mi è precluso, per farla breve ho dovuto riporre tele, aghi e fili colorati nella scatola da lavoro, e per chissà quanto tempo ancora non potrò ricamare... SIGH :o(

Dopo un primo, lungo momento di sconforto condito da una altrettanto lunga serie di altre sfortune in ordine sparso, ho deciso di provare a rimettermi in piedi e dedicarmi ad un'altra delle mie passioni, la cucina... e in particolare la cucina vegetariana e vegana, e di farlo attraverso un blog dedicato solo a questo argomento. 

Ve lo presento stasera, si chiama:


ecco la home page di loveandpeasoup!
Si tratta di un progetto semplice, senza fanatismi e assolutismi, che vuole essere un aiuto per chi è curioso di avvicinarsi ad un'alimentazione priva di carne e pesce, o anche di ogni alimento di origine animale.

Non una semplice raccolta di ricette, non solo seitan e soia dunque: loveandpeasoup è una risorsa in cui potrete trovare recensioni di prodotti, interviste, idee per lo "shopping web" e molto altro...

Loveandpeasoup è un'avventura solo agli inizi, ma ci sto mettendo tanto impegno e tanta passione: mi verrete a trovare?
VI ASPETTO SU LOVEANDPEASOUP

(English version coming soon...)

mercoledì 11 febbraio 2015

Desiderata




Photo: MattiaCot

Go placidly amid the noise and haste, and remember what peace there may be in silence. 
As far as possible, without surrender,
 be on good terms with all persons.
 
Speak your truth quietly and clearly, and listen to others,
 even the dull and the ignorant,
 they too have their story.
 
Avoid loud and aggressive persons,
 they are vexations to the spirit. If you compare yourself with others, you may become vain or bitter;
 for always there will be greater and lesser persons than yourself. 
Enjoy your achievements as well as your plans.

Keep interested in your own career, however humble; it is a real possession in the changing fortunes of time. 

Exercise caution in your business affairs; 
for the world is full of trickery. 
But let this not blind you to what virtue there is,
 many persons strive for high ideals,
 and everywhere life is full of heroism. 
Be yourself.
 Especially, do not feign affection.
 Neither be cynical about love,
 for in the face of all aridity and disenchantment, it is as perennial as the grass. 
Take kindly the counsel of the years,
 gracefully surrendering the things of youth.
 
Nurture strength of spirit to shield you in sudden misfortune.
 But do not distress yourself with dark imaginings.
 Many fears are born of fatigue and loneliness. Beyond a wholesome discipline,
be gentle with yourself.
 You are a child of the universe, no less than the trees and the stars;
 you have a right to be here. And whether or not it is clear to you, 
no doubt the universe is unfolding as it should. 
Therefore be at peace with God, whatever you conceive Him to be,
 and whatever your labors and aspirations,
 in the noisy confusion of life keep peace with your soul. 
With all its sham, drudgery, and broken dreams, it is still a beautiful world.
 
Be cheerful.
 
Strive to be happy. 

(Max Ehrmann, 1927)
.-.-.-.

Passa tranquillamente tra il rumore e la fretta, e ricorda quanta pace può esserci nel silenzio. 
Per quanto possibile, senza arrenderti, sii in buoni rapporti con tutte le persone. 
Dì la tua verità con calma e chiaramente, e ascolta gli altri, anche i noiosi e gli ignoranti, anche loro hanno la loro storia. 
Evita le persone volgari e aggressive, sono un tormento per lo spirito. Se ti paragoni agli altri, puoi diventare vanitoso e amareggiato; sempre ci saranno persone superiori e inferiori a te. 
Gioisci dei tuoi risultati così come dei tuoi progetti. 
Mantieniti interessato al tuo lavoro, per quanto umile; è un vero patrimonio nella mutevole fortuna del tempo. 
Sii prudente nei tuoi affari; il mondo è pieno di tranelli. Ma fa' che questo non ti accechi verso ciò che vi è di virtù, molte persone lottano per alti ideali, e dovunque la vita è piena di eroismo. 
Sii te stesso. Soprattutto, non fingere negli affetti. Non ostentare cinismo verso l'amore, pur di fronte a qualsiasi delusione e aridità è perenne come l'erba. 
Accetta benevolmente gli ammaestramenti degli anni, abbandonando serenamente le cose della giovinezza. 
Coltiva la forza dello spirito per difenderti dall'improvvisa sfortuna. Ma non tormentarti con fantasie oscure. Molte paure nascono dalla stanchezza e dalla solitudine. Al di là di una sana disciplina, sii gentile con te stesso. Tu sei un figlio dell'universo, non meno degli alberi e delle stelle; hai il diritto di essere qui. E che ti sia chiaro o meno, senza dubbio l'universo si sta schiudendo come dovrebbe. 
Perciò sii in pace con Dio, comunque tu Lo concepisca, e qualunque siano le tue fatiche e aspirazioni, nella rumorosa confusione della vita mantieni la pace con la tua anima. 
Con tutti i suoi inganni, i lavori ingrati e i sogni infranti, questo è ancora un mondo meraviglioso. 
Sii allegro. 
Sforzati di essere felice.

mercoledì 7 gennaio 2015

Un blog tutto verde...

...come la speranza

Foto: sfondilandia.it


la speranza di stare bene:
per me
per le persone che amo
per gli amici vicini
e per quelli lontani
per quelli d'infanzia
e "di penna"
per quelli reali
e per quelli virtuali

perché la salute è il dono più prezioso
e spesso non ce ne rendiamo conto finché non la perdiamo

Che questo nuovo anno porti soprattutto

salute

ma anche serenità, soddisfazioni, sincerità
e ogni bene a chi fa del bene

domenica 22 giugno 2014

IL PICCOLO PRINCIPE


Antoine de Saint-Exupéry (1945)
Un piccolo libro per una grande storia… perchè ciascuno di noi ha la propria rosa da ritrovare.

"Un tempo lontano, quando avevo sei anni, in un libro sulle foreste primordiali, intitolato “Storie vissute della natura”, vidi un magnifico disegno.Rappresentava un serpente boa nell’atto di inghiottire un animale.Eccovi la copia del disegno.C’era scritto: “I boa ingoiano la loro preda tutta intera, senza masticarla.Dopo di che non riescono più a muoversi e dormono durante i sei mesi che la digestione richiede”.Meditai a lungo sulle avventure della jungla.E a mia volta riuscii a tracciare il mio primo disegno.Il mio disegno numero uno. Era così:

Mostrai il mio capolavoro alle persone grandi, domandando se il disegno li spaventava.Ma mi risposero: “ Spaventare? Perche’ mai, uno dovrebbe essere spaventato da un cappello?”. Il mio disegno non era il disegno di un cappello.Era il disegno di un boa che digeriva un elefante. Affinché vedessero chiaramente che cos’era, disegnai l’interno del boa.Bisogna sempre spiegargliele le cose, ai grandi.Il mio disegno numero due si presentava così:

Questa volta mi risposero di lasciare da parte i boa, sia di fuori che di dentro, e di applicarmi invece alla geografia, alla storia, all’aritmetica e alla grammatica.Fu così che a sei anni io rinunziai a quella che avrebbe potuto essere la mia gloriosa carriera di pittore. Il fallimento del mio disegno numero uno e del mio disegno numero due mi aveva disarmato.I grandi non capiscono mai niente da soli e i bambini si stancano a spiegargli tutto ogni volta.Allora scelsi un’altra professione  e imparai a pilotare gli aeroplani. Ho volato un po’ sopra tutto il mondo: e veramente la geografia mi è stata molto utile.A colpo d’occhio posso distinguere la Cina dall’Arizona, e se uno si perde nella notte, questa sapienza è di grande aiuto.
Ho conosciuto molte persone importanti nella mia vita, ho vissuto a lungo in mezzo ai grandi.Li ho conosciuti intimamente, li ho osservati proprio da vicino.Ma l’opinione che avevo di loro non è molto migliorata.Quando ne incontravo uno che mi sembrava di mente aperta, tentavo l’esperimento del mio disegno numero uno, che ho sempre conservato. Cercavo di capire così se era veramente una persona comprensiva.Ma, chiunque fosse, uomo o donna,  mi rispondeva: “E’ un cappello”.E allora non parlavo di boa, di foreste primitive, di stelle.Mi abbassavo al suo livello. Gli parlavo di bridge, di golf, di politica, di cravatte.E lui era tutto soddisfatto di avere incontrato un uomo tanto sensibile."

giovedì 12 giugno 2014

Un bellissimo regalo


. . . è quello che ho ricevuto oggi da Jacquie! O meglio, tanti tanti regali! 
Sono stata così fortunata da vincere il terzo premio del suo primo giveaway, e devo dire che è proprio un piccolo tesoro! 
Vediamo se riesco a ricordare tutto: per cominciare, un grazioso biglietto con dedica (che conserverò nella “scatola dei ricordi”), seguito da un puntaspilli a punto croce (che è già nel mio cestino da lavoro), tre matassine di mouliné con i colori del cielo, del mare e degli occhi di mio figlio, un uccellino di metallo smaltato (che decorerà l’ingresso di casa mia), tre schemi per punto croce carinissimi (adatti da ricamare d’estate sotto l’ombrellone), un kit per realizzare due cartoline con farfalle, una golosissima tavoletta di cioccolato (che abbiamo già assaggiato, naturalmente), un sacchettino a pois bianchi contenente tanti fiocchi, nastri, roselline, bottoni colorati ed etichette per i miei prossimi lavori, e per finire uno scrub viso per coccolarmi un po’! 
Che ve ne pare? Ma ecco qualche foto. . . 

A beautiful gift. . . is what I received today from Jacquie! Or rather, many many gifts! 
I was fortunate enough to win the third prize of her first giveaway, and I have to say that it is a small treasure! 
Let's see if I can remember everything: to start, a nice card with a dedication (that I will keep in the "box of memories"), followed by a cross-stitch pincushion  (which is already in my work-basket), three skeins of stranded cotton with the colors of the sky, the sea and the eyes of my son, a little enameled bird (which will decorate the entrance of my house), three cute cross-stitch patterns (perfect to be stitched in summer), a kit to create two postcards with butterflies, a luscious chocolate bar (which we have already tasted, of course), a small bag with white polka dots containing many bows, ribbons, roses, colored buttons and labels for my future works, and finally a facial scrub to cuddle myself a bit!
What do you think? But here are some photos. . . 

Un beau cadeau. . . c'est ce que j'ai reçu aujourd'hui de Jacquie! Ou plutôt, beaucoup de cadeaux! 
J'ai eu la chance de gagner le troisième prix de son premier giveaway, et je dois dire que c'est un petit trésor! 
Voyons si je peux me souvenir de tout: pour commencer, une jolie carte avec une dédicace (que je vais garder dans ma "boîte à souvenirs"), suivi d'une pelote à épingles brodée en point de croix (qui est déjà dans ma corbeille à ouvrage), trois écheveaux de mouliné avec la couleur du ciel, de la mer et des yeux de mon fils, un petit oiseau de métal émaillé (qui ornera l'entrée de ma maison), trois grilles pour point de croix (parfaites pour l’été), un kit pour créer deux cartes postales avec des papillons, du succulent chocolat (que nous avons déjà goûté, bien sûr), un petit sac à pois blancs contenant de nombreux arcs, des rubans, des roses, des boutons et des étiquettes pour mon travail futur, et, enfin, un gommage du visage pour me câliner un peu! 
Qu’en pensez-vous? Mais voici quelques photos. . . 








THANK YOU JACQUIE!!!

sabato 7 giugno 2014

Volete sapere perchè...





. . .sto sorridendo? 
Ve lo spiego subito: al Museo del Tessile del meraviglioso parco di Wesserling, in Alsazia, è esposto un MIO ricamo!!! 
D’accordo, si tratta solo di una lettera, e nemmeno troppo bella se paragonata alle altre, ma è pur sempre una soddisfazione per me. . . Per i prossimi 5 anni anche io farò parte della storia di DMC, l’azienda che, nei suoi oltre oltre 250 di storia, ha permesso la creazione di veri e propri capolavori, nati dalle mani di artiste armate di ago, filo e talento. 
Che posso dire. . . so di essere un po’ sciocca ma non posso fare a meno di sorridere: per questo devo ringraziare Marie Christine di Berberis et Patchwork che mi ha indirettamente regalato un piccolo, grande momento di gioia! 
E ora, vediamo chi ha un buon colpo d’occhio: la prima follower che trova la mia lettera vince un piccolo dono fatto da me! Dai che è facilissimissimissimo!

Want to know why. . . I'm smiling? 
I'll explain it: the Museum of Textiles in the beautiful park of Wesserling, in Alsace, has exposed MY embroidery! 
Okay, it's just a letter, and even not too good compared to the others, but it is a satisfaction to me. . . For the next five years I will be part of the history of DMC, the company that, in its over 250 years of history, has enabled the creation of masterpieces, created by the hands of artists armed with needle, thread and talent. 
What can I say. . . I know I'm a bit silly but I can’t stop smiling: I have to thank Marie Christine of Berberis et Patchwork that indirectly gave me a little, great moment of joy! 
And now, let's see who has a good glance: the first follower who finds my letter wins a small gift made ​​by me! Come on, it's super super super easy!

Voulez-vous savoir pourquoi. . . je souris? 
Je vais vous l'expliquer: le Musée des Tissus dans le magnifique parc de Wesserling, en Alsace, a exposé MA broderie! 
Bon, c'est juste une lettre, et même trop belle par rapport aux autres, mais c'est une satisfaction pour moi. . . Pour les cinq prochaines années je vais être partie de l'histoire de la DMC, la société qui, dans ses plus de 250 ans d'histoire, a permis la création de chefs-d'œuvre, nés par les mains des artistes armées d'aiguille, fil et talent. 
Que puis-je dire. . . je sais que je suis un peu stupide, mais je ne peux m'empêcher de sourire: je tiens donc à remercier Marie Christine de Berberis et Patchwork qui m'a indirectement donnée un petit, grand moment de joie! 
Et maintenant, nous allons voir qui a un bon coup d'œil: la première follower de mon blog qui trouve ma lettre, gagne un petit cadeau fait par moi! Allez, c'est très très très facile!

domenica 1 giugno 2014

Datemi un'idea



…su come rifinire questo ricamo! 
Il progetto iniziale era di farne un cuscino o un quadro, ma purtroppo - quasi alla fine - il tessuto si è strappato in basso a destra e a sinistra (due bei buchi…) quindi non rimane molto per fare bordure o altro. 
Ora mi sono stancata di vedere la banda Disney chiusa in un cassetto e chiedo un suggerimento… anche se in questo periodo non ho proprio tempo, pensavo di fare un bordo patchwork, ma non sono molto convinta! 
Mi aiutate? 

Give me an idea ... how to finish this embroidery! 
The initial project was to make a pillow or a picture, but unfortunately - almost at the end - the fabric is ripped down left and right (two nice holes ...) so there is not much to do. 
Now I'm tired of seeing the Disney gang locked in a drawer and ask for a hint ... although now I have really few time, I was thinking of making a patchwork edge but I'm not sure that it is a good idea! 
Will you help me? 

Donnez-moi une idée ... comment finir cette broderie! 
Le projet initial était de faire un oreiller ou un tableau, mais malheureusement - presque à la fin - le tissu s'est déchiré en bas, à gauche et à droite (deux beaux trous ...) donc il n'y a pas grand chose à faire.
Maintenant, je ne veux pas voir la bande Disney enfermé dans un tiroir et je vous demande un conseil ... même si en ce moment je n'ai pas le temps, je pensais faire un bord patchwork, mais je ne suis pas convaincue que c'est une bonne idée! 
Voulez-vous m'aider?

domenica 11 maggio 2014

Sul filo dei ricordi




Chi ama il ricamo difficilmente scorderà l’emozione provata quando, magari da bambina, ha infilato per la prima volta ago e filo per realizzare una crocetta, poi due, poi tre… io ricordo ogni singolo istante della mia prima volta e in quel caso il filo era un arancione brillante della DMC. 
Questa azienda ha accompagnato, e continua ad accompagnare molte di noi con le sue infinite sfumature di colori, che fanno venir voglia di averle tutte, ma proprio tutte! 
È per questo che non mi sono lasciata sfuggire la proposta di Marie Christine e ho partecipato anch’io all’iniziativa di Emma con la mia lettera ricamata. Eccola qui, ricamata a punto croce, rigorosamente con il mouliné DMC 321 e già spedita da alcuni giorni. 
Ora non mi resta che programmare il mio viaggio in Alsazia per visitare quella meraviglia che è il Parco Wesserling con il suo museo tessile e sperare di trovare la mia “R” fra tutte le lettere esposte!

Those who love stitching, hardly will forget the emotion when, perhaps as a child, held for the first time a needle and thread to make a little cross, then two, then three ...
I remember every single moment of my first time, and in that case the wire was a bright orange of the DMC. 
This company has accompanied and continues to accompany many of us, with its infinite shades of colors that make you want to have them all, but all! 
That's why I did not let slip the proposal of Marie Christine and I joined the initiative of Emma with my embroidered letter. 
Here it is, in cross stitch,  with the DMC stranded cotton number 321 and already shipped a few days ago. 
Now I just have to plan my trip to Alsace to visit the wonder that is the Wesserling Park with its textile museum, and hope to find my "R" among all the letters exposed! 

Ceux qui aiment la broderie n’auront guère oubliée l'émotion ressentie quand, peut-être dans l’enfance, ont pris pour la première fois une aiguille et du fil pour faire une petite croix, puis deux, puis trois ...
Je me souviens de chaque moment de ma première fois, et dans ce cas, le fil était un orange vif de la DMC. 
Cette société a accompagné et continue à accompagner beaucoup d'entre nous, avec ses infinies nuances de couleurs qui nous font envie de les avoir tous, mais tous! 
C'est pourquoi je n'ai pas laissé glisser le projet de Marie Christine et j'ai participé à l'initiative d'Emma avec ma lettre brodée. 
Ici, il est, réalisée en point de croix avec le Mouliné DMC couleur 321 et déjà livré il y a quelques jours.
Maintenant, je dois seulement préparer mon voyage en Alsace pour visiter la merveille qui est le Parc de Wesserling avec son musée du textile, et j'espère trouver mon "R" parmi toutes les lettres exposées!

mercoledì 7 maggio 2014

E oggi: bucato! tappa 3


Eccola, la terza tappa del SAL "E oggi: bucato!" di Barbara. . . con qualche giorno di ritardo (come sempre) e con qualche colore modificato (come sempre), questa avventura del SAL procede benissimo, regalandomi anche qualche gradevole chiacchierata con le altre partecipanti!

Here it is, the third step of the SAL "And today: laundry!" organized by Barbara. . . a few days late (as always) and with some color changes (as always), this SAL adventure goes really well, giving me even a few pleasant chat with the other participants!

Ici, il est, la troisième étape du SAL "Et aujourd'hui: blanchisserie" de Barbara. . . avec quelques jours de retard (comme toujours) et avec quelques changements de couleur (comme toujours), cette aventure du SAL va très bien, me donnant même des conversations agréables avec les autres participants!

giovedì 24 aprile 2014

The sun is shining...

. . . and I'm alive


Un abbraccio a chi si sente solo
Un sorriso a chi si sente triste
Una mano a chi si sente stanco
Un pensiero a chi si sente trascurato

Apri la finestra e guarda quanto è bello il mondo intorno a te

Tutti hanno problemi, tutti soffrono, tutti hanno delle preoccupazioni. . . ma oggi

IL SOLE SPLENDE E IO SONO VIVA

Alla prossima,
Rose

sabato 5 aprile 2014

Budimex Children's Hospital



Il Budimex è un ospedale pediatrico oncologico di Bucarest, in Romania.
L’Associazione Prometeo Onlus aiuta in modo concreto i bambini seguiti da questo ospedale, organizzando viaggi per portare loro ciò di cui hanno più bisogno.
“Più di 100 piccoli pazienti seguiti (in media) in un anno, molti dei quali in regime di day-hospital per le carenze strutturali e gli alti costi dei ricoveri a lunga durata. Due medici ed una decina di infermiere. In una stessa stanza dormono neonati e ragazzini. Spesso dividono il letto con le loro madri che non li vogliono lasciare soli. Altre volte con bimbi moribondi che non hanno la possibilità di usufruire di camere singole ed isolate…”
Ogni anno i volontari di Prometeo raccolgono giocattoli e a dicembre li portano a questi bambini per far trascorrere loro una giornata felice.
Alessandra del blog Babeggi and Patch si è messa in contatto con Caterina, l’operatrice che segue questi interventi e le ha proposto l’idea di realizzare dei quilt pieni di colori per donarli ai bambini.
Caterina si è mostrata felicissima e siccome anche a me è sembrata un’idea splendida, diffondo l’iniziativa: se volete partecipare, non dovete fare altro che cucire una trapuntina per un bimbo o una bimba seguiti dall’ospedale.

Questi sono i dati “tecnici”:
- Dimensioni 120cm x150cm
- Stoffe americane
- Tre strati con un’imbottitura media, trapuntato e con binding.
Sul retro cucite un’etichetta col nome della quilter e se si vuole anche un messaggio per il bimbo/a.
I lavori finiti vanno consegnati entro il 30 ottobre per poter  organizzare il viaggio.
Una volta terminati, potete contattare Alessandra via mail, la quale vi fornirà l’indirizzo di spedizione.
Alla prossima,
Rose
 ._.
The Budimex is a pediatric oncology hospital in Bucharest, Romania.
The Associazione Prometeo, a volunteer association of Italy, helps in a concrete way the children followed by this hospital, organizing trips to bring them what they need most.
"More than 100 young patients followed (on average) in a year, many of them in day-care for structural deficiencies and the high cost of long-term admissions. Two doctors and a dozen nurses. In the same room sleeping babies and kids. Often sharing the bed with their mothers, who do not want to leave them alone. Other times with dying children, who do not have the opportunity to benefit from single and isolated rooms... "
Each year, volunteers of Prometeo collect toys, and in December bring them to these children, to let them have a happy day.
Alessandra, from the blog Babeggi and Patch has been in contact with Caterina, the operator that follows these activities, and proposed her the idea of ​​creating quilts full of colors, to give to the children.
Caterina said she was happy about it, and because it seemed a great idea to me, I spread the initiative: if you want to participate, you simply need to sew a quilt for a boy or a girl followed by the hospital.
These are the "technical" data:
- Dimensions 120cm x150cm
- American Fabrics
- Three layers with average padding, quilting and binding
- On the back, sew a label with the name of the quilter, and (if you want) a message to the child.
The finished works are to be delivered by October 30, 2014 in order to organize the trip.
Once completed, please contact Alessandra by e-mail: she will provide you the shipping address.
 ._.
Le Budimex est un hôpital d'oncologie pédiatrique à Bucarest, en Roumanie.

La Association Prometeo (Italie) aide de façon concrète les enfants suivis de cet hôpital, en organisant des voyages pour leur donner ce qu'ils ont le plus besoin.

"Plus de 100 jeunes patients suivis (en moyenne) en un an, beaucoup d'entre eux en garderie pour les déficiences structurelles et le coût élevé d'admissions à long terme. Deux médecins et une douzaine d'infirmières. Dans la même salle, dorment les bébés et les enfants. Souvent, ils partagent un lit avec leurs mères qui ne veulent pas les laisser seuls . D'autres fois, avec des enfants mourants qui n'ont pas la possibilité de bénéficier de chambres simples et isolées ... "

Chaque année, les voluntaires collectent des jouets, et en Décembre ils les donnent à ces enfants, pour leur faire passer une bonne journée.
Alessandra du blog Babeggi et Patch a été en contact avec Caterina, l'opératrice qui suit ces interventions et a proposé l'idée de créer des courtepointes pleins de couleurs pour les donner aux enfants.
Caterina s’est montrée heureuse, et vu qu’il me semblait une excellente idée, je répands l'initiative: si vous voulez participer, tout ce que vous avez à faire est de coudre une courtepointe pour un garçon ou une fille suivie par l'hôpital.

Içi sont les données «techniques»:
- Dimensions 120cm x150cm
- Tissus américains
- Trois couches avec un moyen rembourrage, avec la courtepointe et ourlè en transversal
- Sur le dos, coudre une étiquette avec le nom de l'artisane et (si vous voulez) un message pour l'enfant.
Les travaux finis doivent être livrés avant du 30 Octobre 2014 afin d'organiser le voyage.
Une fois terminé, s'il vous plaît communiquer avec Alessandra par e-mail, elle vous donnera l'adresse d'expédition.